Il progetto BEEO – Ingredienti di comunità

I laboratori di public history Alla scoperta delle storie di quartiere e di famiglie: vita quotidiana e trasformazioni sociali, economiche, urbanistiche sono stati realizzati nell’ambito del progetto “BEE – Ingredienti di comunità”, vincitore del bando CivICa. Progetti di Cultura e Innovazione Civica 2019 della Fondazione Compagnia di San Paolo.

L’iniziativa dei laboratori scolastici è stata ideata e coordinata dall’Associazione Cliomedia Public History partner del progetto insieme a OrtiAlti (capofila), Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, Artway Of Thinking e in collaborazione con il CDS Centro di Documentazione della Circoscrizione 5.

Il progetto ha come punto di riferimento beeozanam, un community hub sorto in un ex-complesso industriale, sito in via Foligno 14 nella Circoscrizione 5 di Torino. É uno spazio ibrido, tra produzione e servizi, aperto alla partecipazione dei cittadini nell’uso e nella gestione, realizzato grazie agli interventi di riqualificazione del progetto europeo Co-City e alla stipula di un patto di collaborazione fra il Comune di Torino e un gruppo di associazioni ed enti, fra cui OrtiAlti. Obiettivo del Patto è far sì che beeozanam diventi in questa parte della città di Torino un “luogo di appartenenza” e di protagonismo culturale, capace di dar vita a una nuova comunità che solleciti l’assunzione di comuni decisioni e di responsabilità reciproche.

L’Area di riferimento del progetto “BEE – Ingredienti di comunità” sono i quartieri di Borgo Vittoria e Madonna di Campagna dove vive il 60% dei 120 mila residenti della Circoscrizione 5. I due quartieri storici di quella che era la periferia industriale di Torino sono oggi investiti dai processi di deindustrializzazione iniziati a fine Novecento. Pur essendo “aree a rischio”, esposte a situazioni di degrado fisico e marginalità socio-economica, sono diventate negli ultimi decenni luoghi di innovazione urbanistica di estremo interesse.

Per i limiti imposti dalla pandemia molte delle azioni previste dal progetto “BEE – Ingredienti di comunità” hanno subito modifiche significative pur mantenendo immutato l’obiettivo generale: creare nei due quartieri occasioni per l’incontro interculturale e intergenerazionale ponendo al centro della scena la scuola, presidio di cittadinanza attiva e luogo di sperimentazione di una didattica innovativa per l’empowerment dei più giovani.